Storia del Forex

 

Sviluppo del mercato valutario internazionale:


L'evoluzione del mercato dei cambi negli ultimi decenni passa attraverso molte fasi, al fine di diventare il motore principale dell'economia globale contemporanea.

Ogni giorno le valute sono scambiate in miliardi di dollari sui mercati finanziari mondiali, consentendo in tal modo il commercio globale e gli investimenti. Questa situazione è destinata a fornire il contesto agli attuali sviluppi nei mercati valutari internazionali, con particolare attenzione agli accordi internazionali e all'impatto della tecnologia sulle imprese, che si svolge 24 ore al giorno.

Tra la prima e la seconda guerra mondiale, le valute sono state soggette al sistema di cambi fissi basati su standard in oro e argento. Questo periodo è conosciuto come l'era della convertibilità. I governi sostenevano il denaro da loro emesso con una determinata quantità d'oro o di argento. La valuta dominante nel mondo, a quel tempo, era la sterlina e il dollaro ha assunto il ruolo della successiva moneta più importante. La fine della convertibilità si è avuta intorno al 1929, all'inizio della Grande Depressione. Durante la seconda guerra mondiale il mercato dei cambi ha praticamente cessato di esistere.


L'accordo di Bretton Woods del 1944:
– Ha introdotto il sistema nominale basato sullo scambio standard dell'oro.
– Ha istituito il Fondo monetario internazionale (FMI) e la Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo (Banca Mondiale).
– L'USD ha sostituito la sterlina britannica come valuta dominante sul mercato.


Accordi di compensazione:
– Accordo multilaterale in materia di compensazione nel 1947
– Unione europea dei pagamenti (EPU) 1950-1958
– Accordo monetario europeo (EMA) 1958-1973


L'abbandono dell'accordo di Bretton Woods conduce a:
– La formazione della Gold Pool nel 1961 (fino al 1968)
– Introduzione dei diritti speciali di prelievo (DSP) nel 1969
– Le valute forti fluttuano più liberamente.


L'accordo Smithsonian del 1971
 
Questo accordo include una svalutazione del 10 per cento del dollaro e un ulteriore aumento di altre valute, attraverso un aumento del prezzo ufficiale dell'oro a $ 28 l'oncia.

Una maggiore flessibilità è stata possibile dopo un'espansione del 2,25% dei margini di fluttuazione consentiti dai nuovi tassi centrali delle valute nei confronti del dollaro.


Il serpente monetario 1972:

A causa dello scetticismo della Germania in merito all'accordo Smithsonian le valute europee sono scambiate in una gamma ristretta l'una contro l'altra e hanno un tasso di cambio fluttuante nei confronti del dollaro, creando così un mini sistema.

La decisione del Regno Unito di aderire al serpente nel maggio 1972 ha incoraggiato gli altri paesi a modificare liberamente il prezzo delle loro valute nei confronti del dollaro, piuttosto che aderire a certi limiti di tolleranza imposti dall'accordo Smithsonian.

Così il serpente monetario sostituisce con successo l'accordo Smithsonian. In realtà l'Inghilterra è stata costretta a ritirarsi dal serpente dopo solo sette settimane a seguito di un attacco speculativo contro la sterlina inglese.


Crisi petrolifera dell'OPEC del 1973-74:

In risposta alla forte inflazione causata dalla crisi del petrolio, i paesi cominciano a fissare obiettivi relativi alla crescita della massa monetaria, con conseguente aumento dei tassi di interesse. Questi cambiamenti dei tassi di interesse portano ad una maggiore circolazione di capitali a breve termine tra i paesi in cerca di tassi di interesse più elevati e rafforzando così un tasso variabile.


Obiettivi del Sistema monetario europeo (SME) del 1979:

– Contribuire a una migliore integrazione economica e alla stabilità tra gli stati membri della UE.
– Introdurre un sistema di tassi di cambio gestiti con intervento di +/- 2,25% dai tassi centrali per la maggior parte delle valute, ovvero meccanismo per controllare i tassi di cambio.
– Stabilire l'ECU come moneta principale nella UE.
– La rete di parità è la pietra angolare del meccanismo di controllo dei tassi di cambio. Tassi centrali bilaterali per ciascuna valuta sono al centro della rete.


Unione economica e monetaria europea (UEM) 1990-2002:
La creazione dell'unione economica e monetaria europea (UEM) è un processo che coinvolge tre fasi dal 1990 al 2002. È stata creata per introdurre:


– La circolazione di una moneta unica tra gli Stati membri dell'Unione Europea.
– La creazione di una singola Banca centrale europea (BCE).
– Una politica monetaria comune tra gli Stati membri dell'UE.
–  I tassi di cambio tra gli Stati membri dell'UE sono stati fissati il 1 gennaio 1999 e nel gennaio 2002 l'euro è stato messo in circolazione.


Gli obiettivi dell'Unione economica e monetaria europea sono:

– Mercato unico più efficiente.
– Contesto economico più stabile.
– Aumento della stabilità monetaria internazionale.
– Ulteriore integrazione politica all'interno dell'UE.


Rivoluzione tecnologica:

La maggiore velocità ed efficienza della comunicazione è un risultato della rivoluzione tecnologica. I commercianti sono in grado di espandere le loro operazioni, grazie a pagamenti in contanti computerizzati e sistemi informativi. I progressi tecnologici hanno portato a più speculazione e volatilità.


Altre innovazioni includono:

–  Le autorità dei paesi del G7 cercano di mantenere i tassi di cambio entro certi limiti o range di riferimento.
–  L'accordo del Plaza (1985) - Nel settembre 1985, i ministri delle Finanze e i governatori delle banche centrali dei paesi membri del G5 (Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Francia e Giappone) hanno tenuto una riunione a New York, presso l'Hotel Plaza, durante la quale hanno deciso di cooperare per promuovere il miglioramento sistematico delle principali valute nei confronti del dollaro USA.
– L'accordo del Louvre (1987) - Nel mese di febbraio 1987, i paesi membri del G6 (G5 con l'Italia) hanno convenuto di mantenere le loro valute a livelli appropriati, e hanno promesso di cooperare per promuovere la stabilità dei tassi di cambio intorno ai livelli attuali. C'è un tasso di cambio non ufficiale che deve essere mantenuto entro il 5%.
 
– Il sistema dei pagamenti internazionali si basa sullo standard di scambio - il sistema dei pagamenti internazionale è in realtà basato sullo standard del dollaro che esiste, ma non è ufficialmente riconosciuto. Le autorità centrali straniere detengono riserve principalmente sotto forma di dollari e le usano per ripianare i debiti internazionali. Tuttavia, il dollaro non era più convertibile in oro o materie prime tangibili. Così, il valore di acquisto delle riserve mondiali in dollari dipende dallo stato dell'economia degli Stati Uniti. Sembra che questa situazione continuerà fino a quando non saranno ampiamente accettate attività di riserva alternative.
 

CFD e Forex sono prodotti con leva. CFD Trading comporta un alto livello di rischio in quanto la leva può funzionare sia a vantaggio che a svantaggio. Di conseguenza, I CFD potrebbero non essere adatti a tutti gli investitori, perché si rischia di perdere tutto il capitale investito. Si prega di consultare l’intera dichiarazione dell’assunzione del Rischio.